Il futuro della Sanità: le 10 novità introdotte dal nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE 2.0) per gestire i pazienti in modo più efficace

L’implementazione del nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE 2.0) a livello nazionale è destinata a rivoluzionare la gestione dei pazienti nel sistema sanitario. Con l’accordo tra Stato e Regioni e la definizione del FSE 2.0, i medici avranno a disposizione nuovi strumenti informativi e strategie per ottimizzare l’assistenza ai pazienti e migliorare l’efficienza del Sistema Sanitario Nazionale.

Il futuro della Sanità: le 10 novità introdotte dal nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE 2.0) per gestire i pazienti in modo più efficace
Fascicolo Sanitario Elettronico: novità e strumenti per gestire i pazienti in modo più efficace

“Il Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0 è un significativo passo in avanti nella digitalizzazione dei dati sanitari, obiettivo tra i più rilevanti del PNRR, e verso una nuova visione della sanità in cui l’innovazione tecnologica contribuisce al potenziamento dell’assistenza territoriale e al superamento delle disuguaglianze.”

Queste le parole del Ministro Orazio Schillaci in merito al parere favorevole espresso il 2 agosto 2023 durante la Conferenza Stato-Regioni sul decreto che attua il nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico.

Il 24 ottobre 2023 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto che aggiorna la disciplina del Fascicolo Sanitario Elettronico. Il decreto indica i contenuti del FSE 2.0:

  • Dati personali identificativi e amministrativi dell’assistito, compresi esenzioni legate al reddito e alla patologia, informazioni di contatto e delegati;
  • Referti;
  • Verbali del pronto soccorso;
  • Lettere di dimissione;
  • Profilo sanitario sintetico;
  • Prescrizioni specialistiche e farmaceutiche;
  • Cartelle cliniche;
  • Erogazione di farmaci a carico e non del SSN.
  • Informazioni sulle vaccinazioni;
  • Erogazione di prestazioni di assistenza specialistica;
  • Taccuino personale dell’assistito;
  • Dati delle tessere per i portatori di impianto;
  • Lettera di invito per screening.

Dal Vecchio al nuovo fascicolo sanitario: le novità del FSE 2.0

Tra le principali novità introdotte nel decreto del Ministro della Salute del 7 settembre 2023, troviamo:

  1. I contenuti del FSE: il decreto del 2023 abolisce la distinzione tra dati essenziali ed integrativi, differenziandosi così dalla categorizzazione presente nel precedente Regolamento del 2015 sul FSE;
  2. Le modalità di accesso al FSE: l’accesso al profilo del proprio Fascicolo Sanitario Elettronico avviene tramite credenziali previste dalla regione/provincia di assistenza. L’associazione di ogni utente a uno di questi profili determina, le informazioni che possono essere consultate o inserite. Inoltre, le principali informazioni del FSE 2.0, quali ad esempio i referti e i verbali di pronto soccorso, sono rese disponibili facilmente ai MMG e PLS per una visione integrata del profilo sanitario della persona e un suo più semplice utilizzo;
  1. I livelli di visibilità e una classificazione preventiva delle informazioni nel FSE: sono previsti diversi livelli di visibilità delle informazioni, contenute nel fascicolo sanitario del paziente, adeguati alle diverse categorie di professionisti, operatori sanitari, assistiti o loro delegati;
  1. I profili di accesso: oltre all’assistito, vengono elencati vari profili, inclusi medici, farmacisti e figure legate alla Direzione generale del Ministero della Salute, ciascuno con accesso specifico alle informazioni contenute nel FSE;
  2. I diritti dell’assistito: l’articolo 9 del nuovo schema di Regolamento del Fascicolo Sanitario Elettronico amplia la disciplina sui diritti dell’assistito rispetto al DPCM n. 178/2015. Introduce garanzie procedurali per l’esercizio del diritto di oscuramento, compreso il diritto all’informazione e la possibilità di eseguire l’operazione online;
  3. Diritto di oscuramento e alimentazione del FSE: l’oscuramento di alcune categorie di dati e informazioni cliniche è solo una delle operazioni possibili sul FSE. L’alimentazione del FSE permette all’assistito di accedere e recuperare tutti i dati e documenti prodotti dal Sistema Sanitario a livello informatico;
  4. Inserimento di dati da parte dell’assistito: in base al d.l. 34/2020, è consentito all’assistito inserire dati nel FSE;
  5. Competenze regionali: nonostante la responsabilità degli enti territoriali locali nella realizzazione dei fascicoli elettronici, gli standard semantici e formali continuano a essere gestiti a livello regionale;
  6. Interoperabilità del FSE: I sistemi regionali di Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) operano attraverso l’Infrastruttura Nazionale per l’Interoperabilità (INI). L’INI semplifica i processi di interoperabilità permettendo ai sistemi regionali di FSE di identificare il paziente e inoltrare richieste all’INI senza dover individuare la Regione di appartenenza del paziente;
  7. Infine, la Conferenza Stato-Regioni ha espresso un parere positivo anche riguardo ai flussi informativi denominati “Sistema informativo per il monitoraggio dell’assistenza riabilitativa” (SIAR), “Sistema informativo per il monitoraggio delle attività erogate dai consultori familiari” (SICOF) e “Sistema informativo per il monitoraggio dell’Assistenza Domiciliare” (SIAD), di importanza strategica per il corretto apporto di dati al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE).

FSE e Cartella clinica elettronica: due strumenti complementari

Fascicolo Sanitario Elettronico e Cartella Clinica Elettronica sono due strumenti fondamentali in questa nuova era digitale della Sanità. Creati per scopi e funzioni diverse, ricordiamo che il FSE raccoglie i dati e documenti clinici di un paziente nel tempo, rendendoli accessibili a tutti i medici, mentre la cartella clinica elettronica è uno strumento gestionale in formato digitale, interno alle singole strutture sanitarie o ai MMG e PLS, che il personale medico consulta e alimenta con le informazioni relative ai propri pazienti.

La cartella clinica digitale è la necessaria evoluzione della cartella clinica tradizionale (in formato cartaceo) e allo stesso modo contiene i referti medici del paziente, gli esami strumentali, le prescrizioni, i verbali delle visite e tutta la documentazione prodotta nel corso di un ricovero o di episodi di cura ambulatoriale.

Rispetto al FSE, ha accesso limitato solo agli operatori interni della struttura o degli studi medici e non contiene invece elementi come la storia familiare del paziente.

I vantaggi di un software per gestire la Cartella Clinica Elettronica

L’uso di un software per gestire la cartella elettronica sanitaria apporta numerosi benefici. Per i medici consente l’accesso istantaneo alla documentazione da qualsiasi postazione, rende più semplice consultare gli esami pregressi, evita il rischio di smarrimento delle cartelle e di realizzare diagnosi su dati non aggiornati.

Per i pazienti, una migliore organizzazione e conservazione della loro storia sanitaria può comportare cure più efficaci, una riduzione di esami ripetuti e minori disagi nel trasferimento delle informazioni tra gli specialisti.

Un ulteriore vantaggio è l’integrazione dei dati della cartella clinica nel Fascicolo Sanitario Elettronico, garantendo la loro fruizione nel tempo da parte di tutti i professionisti coinvolti nella presa in carico del paziente.

Sempre con la supervisione del professionista sanitario, e rispettando i criteri di privacy, la digitalizzazione dei dati sanitari della persona consentirà di usufruire della potenza dell’intelligenza artificiale generativa in grado di migliorare l’assistenza sanitaria anche in ottica predittiva.

CGM XMEDICAL: il software di Cartella clinica personalizzabile e sicuro

CGM XMEDICAL è il software ideale per la gestione della cartella clinica elettronica. La funzionalità di cartella clinica permette di:

  • personalizzare l’anamnesi del paziente evidenziando i fattori di rischio clinico rilevanti,
  • redigere in modo flessibile referti medici mediante l’utilizzo di glossari, campi predefiniti e variabili,
  • archiviare in modo sicuro e in qualsiasi formato tutta la documentazione e storia clinica di un paziente, nel rispetto delle normative vigenti,
  • risparmiare tempo e risorse grazie alla centralizzazione delle informazioni dei pazienti;
  • migliorare i processi di cura del paziente, grazie a informazioni facilmente condivisibili tra gli operatori sanitari.

Gestendo integralmente la Cartella Clinica Elettronica dei pazienti, CGM XMEDICAL assicura un servizio sanitario più efficiente, elevando al contempo i livelli di sicurezza dei dati sensibili dei pazienti.

XMEDICAL è nativamente predisposto per l’integrazione con il FSE 2.0 e ad oggi CGM offre già prodotti come PROFIM, INFANTIA ed FPF, integrati nell’FSE 2.0. 

HAI BISOGNO DI UN GESTIONALE PER IL TUO CENTRO MEDICO?

Richiedi una demo gratuita di CGM XMEDICAL

Presa visione dell'Informativa Privacy, consapevole che il mio consenso è puramente facoltativo, oltre che revocabile in qualsiasi momento, esprimo il consenso al trattamento dei miei dati da parte delle aziende del gruppo CGM Italia, per le finalità di marketing: invio di comunicazioni commerciali/promozionali, tramite modalità automatizzate di contatto (come e-mail, sms o mms) e tradizionali (come telefonate con operatore e posta tradizionale) sui prodotti e servizi o segnalazione di eventi aziendali, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela.
Presa visione dell'Informativa Privacy, con la presente acconsento che i miei dati vengano utilizzati dalle aziende del gruppo CGM Italia per l'elaborazione e la risposta alla mia richiesta. Le risposte alle mie domande possono essere inviate per posta o elettronicamente. La mia dichiarazione di consenso è volontaria. Posso ritirare il consenso in qualsiasi momento, inviando un'e-mail a info.italy@cgm.com. Se ritiro il mio consenso non ne deriveranno degli svantaggi. Inoltre, ho ulteriori diritti, che sono descritti di seguito. Ho preso nota delle informazioni riguardanti i miei diritti.

I miei dati verranno archiviati nel data center di CompuGroup Medical e non saranno trasmessi a terzi. Sono stato informato che posso richiedere informazioni sui dati personali memorizzati, in qualsiasi momento. Inoltre ho il diritto di accedere e ottenere una copia di questi dati, rettificare dati imprecisi, ottenere la limitazione o oppormi a tale trattamento, oltre il diritto di cancellare i miei dati.

Si prega di contattare il Responsabile della protezione dei dati per qualsiasi domanda relativa al trattamento dei vostri dati personali e per la ricezione delle vostre richieste di informazioni o reclami all'indirizzo mail: dpo.it@cgm.com

Autorità di Supervisione Responsabile

L'autorità di supervisione responsabile per le società del gruppo CGM Italia è il Garante per la protezione dei dati personali, con sede in Piazza Venezia n. 11, 00187 Roma,
email protocollo@gpdp.it , pec protocollo@pec.gpdp.it, centralino (+39) 06.696771

Versione: 1.0

Data: 21.07.2021
  • Iscriviti alla newsletter CGM XMEDICAL e ricevi gratuitamente contenuti di valore, utili per la tua professione

Presa visione dell'Informativa Privacy, consapevole che il mio consenso è revocabile in qualsiasi momento, esprimo il consenso al trattamento dei miei dati da parte delle aziende del gruppo CGM Italia, per le finalità di marketing: invio di comunicazioni commerciali/promozionali, tramite modalità automatizzate di contatto (come e-mail, sms o mms) e tradizionali (come telefonate con operatore e posta tradizionale) sui prodotti e servizi o segnalazione di eventi aziendali, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela.