Il DPACS come elastic tool di diagnosi: delocalizzazione, disponibilità on demand per la flessibilità dei servizi

In Italia abbiamo le basi per seguire, tra gli altri, un modello sanitario basato su decisioni data-driven affini a quelli già proposti in Europa…

Il DPACS come elastic tool di diagnosi: delocalizzazione, disponibilità on demand per la flessibilità dei servizi
RIS WEBINAR

In Italia abbiamo le basi per seguire, tra gli altri, un modello sanitario basato su decisioni data-driven affini a quelli già proposti in Europa (cfr. il Synergy Paper dal titolo THE FUTURE IS NOW: DIGITALISATION AND PUBLIC HEALTH, rilasciato nel dicembre scorso dalla European Public Health Alliance).

Da questo rapporto risulta auspicabile un’integrazione all’offerta di servizi sanitari basata su visite virtuali di approfondimento o di follow-up per MMG, visite specialistiche on demand per studi medici e poliambulatoriali, second opinion o team opinion, regolarmente inquadrate nei LEA e rimborsate con specifici DRG.

Ma come funziona ad esempio un sistema di refertazione mobile per la second opinion? Come può un paziente condividere il proprio esame con un team di specialisti? Quali sono i requisiti hardware e software per operare in totale sicurezza? È possibile coordinare un cluster di unità mobili per l’imaging diagnostico a domicilio e negli ambulatori?

Ne parliamo venerdì 3 luglio con il PACS Specialist di Eurochimica per AITASIT e CGM.

Il webinar inizierà alle 15.30 e può ospitare massimo 250 (duecentocinquanta) partecipanti ed è disponibile a questo link.

Vi aspettiamo a #CASAITASIT!

Seminiamo buone idee…

a cura di Redazione CGM